SPEDIZIONE GRATUITA PER ACQUISTI SOPRA 15€!
Carrello

L'uomo che parlava ai colori

Postato da Alberto Bertolazzi il
L'uomo che parlava ai colori

Era un perfezionista, Jacob Christoph Le Blon, e tutte le tipografie oggi gliene devono essere grate. Se non fosse stato così precisino, attento ai particolari e alle minuzie, oggi non esisterebbe la stampa a colori come la conosciamo. D'altra parte era nato pittore e miniaturista: buona parte della sua formazione era avvenuta alla scuola dell'incisore Conrad Meyer, un artista/artigiano svizzero che nel Seicento in Europa aveva la stessa fama che oggi attribuiamo a Picasso. Il buon Jacob era nato a Francoforte: vuol dire che respirava l'effervescente cultura tedesca del periodo post riforma, fatta di ardite considerazioni sulla "nuova scienza" e sulla diffusione del sapere. Ma nel sangue gli circolava l'amore per l'arte e per il colore ereditato dalla famiglia, le cui radici risalivano quasi fino a Gutenberg. Per la precisione, al tipografo belga Theodor de Bry, uno dei più famosi produttori di mappe, amico di geografi e viaggiatori, per molti versi editore rivoluzionario.

young

Posto all'incontro di questi diversi flussi, Le Blon seppe creare qualcosa di nuovo, che fu alla base di un salto tecnologico cruciale, mettendo insieme filosofia e scienza. In un mondo che allargava la cultura a un numero sempre maggiore di persone e che vedeva nascere una classe di nuovi ricchi (i borghesi), era necessario estendere il consumo di arte. Come fare? La risposta del pittore-tipografo: proponendo un'alternativa alla copia manuale, e creando una tecnica di "stampa delle immagini" che ancora non esisteva. Le Blon era un aristotelico: credeva che la scienza potesse risolvere buona parte dei problemi. E aveva seguito gli studi sulla luce di Newton. La scienza gli venne quindi in soccorso grazie alla dottrina della tricromia.

In pittura, tre colori –  blu, giallo, rosso – possono ricreare quasi per intero la gamma cromatica. Quindi, trovando il modo più efficiente di trasferire, con la giusta trasparenza, i tre inchiostri sulla carta, sarebbe stato possibile realizzare una "macchina" da stampa in grado di riprodurre in svariate copie qualsiasi dipinto, miniatura o elemento grafico ben oltre il semplice bianco e nero delle incisioni. Grazie a un raschietto e a un bruciatore, lavorò tre lastre di rame, una per colore, e ne aggiunse una quarta: era dedicata al nero di mezzatinta, un'idea che risultò essere altrettanto vincente quanto rivoluzionaria. Come i caratteri mobili permettevano la riproduzione seriale del testo, la "quadricromia" di Le Blon avrebbe realizzato il sogno di creare copie a colori di qualsiasi illustrazione. Era nata la "nonna" del CMYK. 

commerciale

Le immagini che accompagnano l’articolo sono tratte dal libro I Colori di Stampa nel Graphic Design - CMYK&PMS, che illustra le tecniche di stampa attraverso alcuni dei progetti più sofisticati elaborati negli ultimi anni.

Post precedente Post successivo